Presentazione del corso

 

Presentazione del Corso

La nostra società subirà nei prossimi anni dei radicali cambiamenti, grazie all’implementazione  di nuovi sistemi di produzione e nuovi stili di vita. L’ IoT, la precision agriculture, le smart-houses, -grids, -cities, il 5G e l’Industry 4.0 richiederanno lo sviluppo di elettronica, spesso a basso costo, a bassi consumi e con prestazioni sempre migliori.

D’altra parte, la diffusione capillare dei sistemi elettronici porrà dei vincoli stringenti sulla sostenibilità ambientale dei processi di produzione e del trattamento dei dispositivi, dopo la loro vita utile.

L’ingegnere elettronico sarà l’attore fondamentale di tale rivoluzione. Dovrà avere le competenze per dominare la progettazione delle nuove tecnologie e contribuirà al miglioramento delle condizioni di vita e alla realizzazione di un modello di sviluppo più sostenibile.

 

Il Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica dell’Università di Catania, appartiene alla classe L-8, classe delle lauree dell’Ingegneria dell’Informazione.

Il percorso di studio affronta quindi gli aspetti metodologico-operativi della matematica e delle altre scienze di base. Tali conoscenze sono funzionali per interpretare e descrivere i problemi dell'ingegneria. Gli ingegneri elettronici, laureati dal corso di laurea conoscono gli aspetti metodologico-operativi delle scienze dell'ingegneria, sia in generale, sia in modo approfondito relativamente a quelli dell'area dell'ingegneria dell'informazione nella quale sono capaci di identificare, formulare e risolvere i problemi utilizzando metodi, tecniche e strumenti aggiornati.

Il Corso di Laurea ha una durata triennale e prevede insegnamenti di base, caratterizzanti e affini, organizzati in 18 esami.

Gli insegnamenti di base vengono somministrati prevalentemente al primo anno di corso e in parte del secondo anno.

 

La formazione degli studenti procede quindi con le discipline caratterizzanti e affini, per concludersi con la stesura di un elaborato di corso e una prova finale.

Le discipline caratterizzanti del Corso di Laurea appartengono a quattro aree:

automazione

dei sistemi elettronici

delle misure elettroniche

e dei sistemi di telecomunicazione

 

I laureati in Ingegneria Elettronica sono in grado di utilizzare tecniche e strumenti per la progettazione di componenti, sistemi e processi, di condurre esperimenti e di analizzarne e interpretarne i dati; di comprendere l'impatto delle soluzioni ingegneristiche nel contesto sociale e fisico-ambientale; di conoscere le proprie responsabilità professionali ed etiche; di conoscere i contesti aziendali e la cultura d'impresa nei suoi aspetti economici, gestionali e organizzativi; di conoscere i contesti contemporanei. Il laureato possiede gli strumenti per aggiornare autonomamente le proprie conoscenze.

 

Viene curato lo sviluppo delle capacità relazionali e decisionali; della capacità di comunicare  efficacemente in almeno una lingua dell'Unione Europea, oltre l'italiano.

Il laureato in Ingegneria Elettronica trova sbocchi professionali nei settori della produzione, gestione, manutenzione e progettazione assistita di dispositivi e sistemi elettronici, di telecomunicazione e dell'automazione.

I principali sbocchi occupazionali sono quindi:

- Imprese di progettazione e/o produzione di dispositivi, componenti, sistemi e apparati elettronici;
- Imprese di progettazione, installazione e gestione di infrastrutture nonché di fornitura di servizi per le telecomunicazioni;

- Contesti produttivi che fanno largo uso di sistemi automatici e robotizzati (Industrie manifatturiere, imprese di servizi);

- Imprese elettromeccaniche, elettroniche, spaziali, aeronautiche, automobilistiche, navali, etc..
É previsto un esame di abilitazione per l'iscrizione all'albo per l'esercizio delle professioni regolamentate di:

- Ingegnere dell'informazione junior;

- Perito industriale laureato.